Percorso:ANSA.it > Speciali > News
Delitto di Via Poma Tutti i titoli

Condanna a 24 anni per Busco

In aula con la moglie fino alla fine. I legali, ricorso in appello

26 febbraio, 15:41
Raniero Busco e la moglie Roberta Raniero Busco e la moglie Roberta
Condanna a 24 anni per Busco

Il 26 gennaio 2011 arriva la svolta. Non se l'aspettava, si e' sempre professato innocente ed era convinto che anche i giudici, dopo un anno di processo, si sarebbero convinti della sua verita'. Raniero Busco, condannato a 24 anni per l'omicidio di Simonetta Cesaroni, avvenuto 20 anni fa, si dispera, e' incredulo e si chiede ''perchè ?''. Condannato per un delitto di venti anni fa. Una pena che sventra la sua vita di padre, marito, impiegato, che fa di lui un omicida. Per la legge. Perche' dopo Simonetta, straziata da 29 coltellate, ''ci deve essere anche una seconda vittima? Trovo tutto questo profondamente ingiusto'', dice attonito davanti alla durezza della sentenza. Venti anni dopo.

Puntuale, come sempre a tutte le udienze, Raniero Busco si e' presentato insieme con la moglie Roberta. Era in grande tensione. Pallido e' sembrato sul punto di piangere quando amici e parenti lo abbracciavano di continuo. Quasi protetto dalla moglie, soprattutto dall'insistenza dei tanti cronisti, Busco e' voluto rimanere in aula fino alla sentenza nonostante il parere contrario del suo legale.

Quando e' entrata la Corte per pronunciare la sentenza, era mano nella mano con la moglie, mentre dietro la coppia, con le mani appoggiate sulle spalle di entrambi, c'era il fratello Paolo. Nel momento in cui la presidente della Corte, Evelina Canale, ha pronunciato la sua condanna, Raniero quasi si e' accasciato e il fratello di peso lo ha portato fuori dall'aula. Poi lontano da occhi indiscreti ha abbandonato l'edificio giudiziario, mentre i suoi familiari ed amici, davanti alle tv, gridavano la loro disperazione dicendo che non c'era giustizia. Perche' loro, amici, parenti e colleghi, suocera in prima linea, da sempre hanno creduto e continuano a credere, nonostante la sentenza che Raniero sia innocente.

''Dire che sono deluso - ha poi detto al suo avvocato - e' poco. Davvero non me lo aspettavo''. Raniero Busco, 46 anni, tecnico di manutenzione dell'Alitalia, padre di due gemelli maschi di nove anni, per la giustizia italiana deve ora pagare per un delitto compiuto quando aveva 26 anni. I suoi legali annunciano il ricorso. Ma per lui, Busco Raniero, ex fidanzato di Simonetta, condannato per omicidio, la vita e' gia' un'altra.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA