Percorso:ANSA > In Viaggio > Sapori > Vacanza 'fresca' e gourmet, in Quebec

Vacanza 'fresca' e gourmet, in Quebec

Lontana dall'afa, la regione canadese offre panorami indimenticabili e prelibatezze d'ogni genere

16 luglio, 10:37
In Quebec per una vacanza all'aria aperta e all'insegna dei prodotti della terra In Quebec per una vacanza all'aria aperta e all'insegna dei prodotti della terra

Chi è stanco dell'afa dell'estate italiana e sta progettando una vacanza per fine agosto-inizio settembre che sia fresca e all'insegna di genuini prodotti della terra può fare un pensierino alla provincia canadese del Québec che offre da un lato panorami e colori indimenticabili e dall'altro prelibatezze d'ogni genere.

Non c'è solo lo sciroppo d'acero, che si ricava in primavera dall'estrazione della linfa degli alberi 'nazionali', ma la stagione autunnale è ideale per assaggiare i mirtilli passeggiando nei boschi, pesce d'acqua dolce o la patata blu. Ogni regione ha la sua specialità e vale la pena ricordarsene una volta pianificata la vacanza.

Un itinerario che i turisti buongustai apprezzeranno è quello della Strada dei Vini della regione di Cantons-de-l'Est, patria della viticultura canadese. I visitatori possono scegliere fra gite in treno o in barca, alloggiando in strutture piccole ma accoglienti come B&b e pensioni, e partire alla scoperta di un territorio caratterizzato ovviamente da numerosi vigneti. La route si snoda su 140 chilometri e collega nove comuni. Una delle specialità è la produzione di vin de glace, fatto con uve gelate di vendemmie tardive. Il vino accompagnerà pranzi e cene a base d'anatra e foie gras. Lungo il percorso ogni azienda organizza iniziative particolari per coinvolgere i turisti, dai picnic all'aperto alle visite guidate. Chi vuole può ovviamente percorrere parte della strada anche sulle due ruote, valorizzando l'anima più lenta e rilassante della vacanza. (www.laroutedesvins.ca)

La regione occidentale di Abitibi-Témiscamingue è rinomata per boschi e laghi e, dal punto di vista gastronomico, per il riso selvatico e il pesce d'acqua dolce. Dettaglio da non trascurare la bontà dell'acqua, eletta la più pura del Québec. Chi ama i frutti di bosco non può perdere in autunno la raccolta del ribes, atoka per i nativi, nel Centre du Québec, attraversato anche dalla strada dei formaggi. Se si è alla ricerca di specialità casearie va bene anche Charlevoix, incastonata fra mare e montagna, che vanta una lunga tradizione nella preparazione di formaggi artigianali. Suggestivo anche lo Chemin du Terroir (www.cheminduterroir.com) che attraversa la regione di Laurentides. Inaugurato un paio d'anni fa, l'itinerario è lungo 226 chilometri e comprende strade sceniche e proposte per un turismo a contatto con il settore agricolo.

Per un assaggio di carne di bisonte la migliore è nelle zone di Lanaudière e Mauricie, ma c'è spazio anche per pesci e crostacei: granchio delle nevi e salmone, aragoste in abbondanza nel Bas Saint-Laurent, Côte Nord, Gaspésie, Iles de la Madeleine, insomma tutto il territorio lambito dal San Lorenzo, uno dei maggiori fiumi del mondo. (www.bonjourquebec.com)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA