Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Clima > Clima: stessa causa per inondazioni e caldo

Clima: stessa causa per inondazioni e caldo

Climatologo Ferrara, responsabili tre anticicloni su tre continenti

08 luglio, 17:06
Tempesta Mar Nero, almeno 140 i morti Tempesta Mar Nero, almeno 140 i morti

ROMA - Le alluvioni nel Mar Nero e in Inghilterra, gli incendi nel Colorado e il caldo 'africano' in Italia hanno tutti la stessa causa. I responsabili, secondo quanto spiega all'ANSA il climatologo dell' Enea Vincenzo Ferrara sono ''tre anticicloni dinamici caldi, ovvero tre enormi bolle di caldo che si trovano rispettivamente sul Messico, sul Sahara occidentale e tra il Pakistan e l'India. Le lingue di fuoco che scaturiscono da queste 'bolle' sono responsabili delle ondate di calore e ai loro bordi, dove le zone calde si scontano con quelle fredde, ci sono fenomeni monsonici, ovvero le forti piogge che causano inondazioni e allagamenti come quelli sul Mar Morto e in Inghilterra, dove attualmente c'e' l'allerta alluvione nelle zone centrali e meridionali. Sembrano tre casi diversi ma e' la stessa situazione che si ripete''. Secondo il climatologo questa situazione, creatasi gia' da qualche tempo e' inusuale: ''e' come se, paradossalmente, il tropico si fosse spostato piu' a nord, nel senso che questi anticicloni caldi erano normalmente posizionati piu' a sud e adesso si sono spostati verso il nord, perche' il pianeta e' piu' caldo. A livello planetario, pero' questo non e' uno degli anni piu' caldi, come lo sono stati 2010, 2005 e 1998''.

L'anticiclone indiano, in particolare, e' il responsabile della situazione venutasi a creare nel Mar Nero dove i violentissimi nubifragi che durano da giorni hanno provocato inondazioni e frane e la morte di oltre cento persone. ''La lingua di aria calda dell'anticiclone indiano, che sta creando una cappa di calore sopra Turchia e Siberia occidentale dove si registrano fino a 40 gradi, si e' scontrata con l'aria fredda presente sul Mar Nero provocando il fenomeno monsonico. Stessa situazione piu' a sud, in India, dove si stanno verificando inondazioni, ma l'area interessata copre anche Pakistan e Bangladesh''. Per quanto riguarda l'anticiclone del Sahara occidentale, ai margini della zona di calore, nel Golfo di Guinea, si sta verificando il Monsone dell'Africa occidentale.

Le lingue di calore provenienti dall'Africa stanno anche bloccando la bolla di aria fredda proveniente dal nord e cosi' in Gran Bretagna si registra l'estate piu' fredda dal 1951 e quella piu' piovosa dal 1900''. L'Ufficio meteorologico britannico ha lanciato almeno 180 allerta allagamenti e inondazioni nelle ultime ore, dopo che in 24 ore era caduta la stessa quantita' di pioggia di un intero mese. Il brutto tempo, inoltre, dovrebbe durare almeno fino alla prima settima di agosto e per i giochi olimpici di Londra si prevede un avvio bagnato. ''Ma le forti piogge - avverte Ferrara - stanno arrivando anche in Germania e Svizzera, dove non sono escluse alluvioni''.

Cattive notizie anche per la costa occidentale Usa, dove ''gli effetti dell'anticiclone dinamico messicano stanno creando i presupposti per una forte tempesta tropicale, gia' in via di formazione, che dovrebbe colpire la costa californiana, mentre in Colorado e in Nevada continuano invece i picchi di calore responsabili dell'ondata di incendi dei giorni scorsi''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA