Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Vino > Dopo 100 anni, un vino di Favignana

Dopo 100 anni, un vino di Favignana

Viticoltura estrema sull'insola siciliana, con un vino bianco firmato Firriato

19 giugno, 16:13
Dopo 100 anni, un vino di Favignana Dopo 100 anni, un vino di Favignana

FAVIGNANA - La prima vendemmia a Favignana dopo 100 anni ha prodotto una etichetta da collezionare, un vino bianco firmato Firriato. Sarà distribuito solo su prenotazione e con un limite massimo di bottiglie. A Favignana, in particolare, c’è grande attesa per l'unico vino prodotto sull'isola, di cui è facile immaginare l’attrattiva soprattutto sui turisti. Il Favinia La Muciara finalmente esce. Un vino bianco che sa di mare, che esalta la natura forte e selvaggia dell'isola, figlio di una viticoltura estrema per condizioni climatiche e per il lavoro duro richiesto in vigna. Ottenuto da uve autoctone (Grillo, Catarratto e Zibibbo) il Favinia La Muciara si distingue per la forte impronta marina, con una sapidità di fondo che unisce al minerale un prezioso scrigno di frutta bianca e fiori di campo. Essenziale per eleganza ed unico per identità. "Volevamo un vino che esprimesse l'anima di Favignana - spiega la produttrice Vinzia Novara Di Gaetano - e che fosse la prova riuscita di un disegno produttivo che premia i territori, unici ed irripetibili, come sono le isole minori della Sicilia o l'Etna. Con questo vino la nostra azienda compie un altro passo importante in questa direzione. Il “Progetto Insulae” di Firriato a Favignana si completerà con un vino passito, elegante e intenso, e un rosso, importante ma fresco, dedicato alle grandi varietà autoctone della Sicilia."

La viticoltura marina praticata nell’isola più grande dell’Egadi conferma, ancora una volta, per Firriato quella sensibilità che l’azienda nutre verso i territori di frontiera. Tra i grandi marchi del vino siciliano di qualità, ha compreso in anticipo l'importanza dei territori dell’Etna, dando vita alla Tenuta e alla Cantina di Cavanera, nel territorio di Castiglione di Sicilia. Con Favignana la sfida è ancora più forte: reintrodurre la vite in un contesto di assoluto valore ambientale e in condizioni davvero uniche e particolari, per ottenere dei vini da memoria.

Favinia la Muciara nasce dai cinque ettari di vigneti messi a dimora a Favignana, a pochi metri dalla scogliera di Calamoni, in un quadro pedoclimatico davvero particolare. I suoli sono sabbiosi, di natura calcarea e caratterizzati da rocce affioranti di tufo e sabbia rossa. Le viti sono allevate ad alberello, il sistema tradizionale della viticoltura delle isole minori della Sicilia, più resistente alle difficili condizioni di questo particolare contesto ambientale. I vigneti richiedono cura e costante attenzione, un lavoro condotto a mano, sia nelle lavorazioni dei terreni che nella gestione della vigna.

La vendemmia è tutta manuale: i grappoli vengono selezionati e posti in cassette di legno che, dall'isola, vengono poi trasportate via mare alla terra ferma, dove verranno vinificati. I tempi di raccolta cambiano per varietà e per andamento climatico. La vendemmia 2011 di Firriato a Favignana ha seguito l’andamento delle maturazioni delle differenti varietà impiantate: è iniziata il 18 di agosto e si è conclusa, per le uve nere, nella seconda settimana di settembre. Favinia La Muciara, sarà disponibile, prima in Sicilia e successivamente nel resto d'Italia, a partire dalla terza settimana di giugno, ovviamente per quanti hanno provveduto a prenotare il prodotto. Il prezzo medio in enoteca è di 22 euro circa.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati