Percorso:ANSA > Terra&Gusto > Dolci Piaceri > Ferrero; qualita' e responsabilita' sociale

Ferrero; qualita' e responsabilita' sociale

Presentato terzo rapporto di responsabilita' sociale del Gruppo Ferrero

05 luglio, 18:54
Paolo Fulci ed Elisabetta Gardini Paolo Fulci ed Elisabetta Gardini

    Dai diritti umani all'ambiente, passando per l'impatto sulla società: sono questi i punti cardine su cui si basa il terzo rapporto di responsabilità sociale del Gruppo Ferrero. Presentato oggi a Roma presso il Circolo del Ministero degli Affari Esteri, alla presenza dell'Ambasciatore Francesco Paolo Fulci, Presidente di Ferrero SpA, l'Europarlamentare Elisabetta Gardini, la conduttrice televisiva Licia Colò, il Rettore del Politecnico di Bari Nicola Costantino e la nutrizionista Carla Favaro, il Rapporto 2012 offre un dettagliato punto della situazione sui progressi fatti sino ad oggi nel raggiungimento degli obiettivi prefissati dal Gruppo.

   Suddivise per quattro macro aree tematiche sono in totale dieci le mete che Ferrero intende raggiungere entro il 2020 ed il monitoraggio presentato oggi le analizza tutte, una ad una per illustrare la strategia di CSR sviluppata a livello mondiale sulla base della situazione attuale. Tra gli obiettivi spicca lo sviluppo della capacità di autoproduzione energetica pari al fabbisogno di tutti gli stabilimenti produttivi d'Europa ed il 30% di energia autoprodotta da fonti rinnovabili entro il 2013.

   Lo sviluppo di un analogo piano d'azione a livello mondiale è previsto entro il 2020. Le materie prime, un settore strategico che racchiude i differenti aspetti dell'intera filiera produttiva, hanno visto un'attenzione particolare con l'intento di arrivare a lavorare, entro il 2020, solo cacao che abbia la certificazione di sostenibilità ambientale e raggiungere il 100% dell'impiego di olio di palma e caffé "sostenibili" entro il 2015. Stesso discorso anche per le uova, entro il 2014 dovranno provenire solo da galline allevate a terra e con elevati standard di benessere per l'animale. Ferrero ha pensato anche alla salute del consumatore finale, alle politiche di educazione alimentare ed alla promozione di uno stile di vita sana. Tra le varie strategie messe in campo, sarà maggiormente implementata, dati i riscontri positivi, quella che vede Kinder affianco a importanti manifestazioni sportive. Kinder + Sport sarà sostenuta ancora per gli anni a venire. I "tre pilastri CSR Ferrero", ovvero valorizzare le comunità locali, promuovere uno stile di vita sano e implementare pratiche agricole sostenibili passeranno per la condivisione del Codice di Condotta Commerciale con tutti gli interlocutori interni ed esterni al Gruppo, mentre il completamento dell'attuazione del Piano ABCDE (A Business Code Dialogue Engagement) che garantisce la sostenibilità lungo tutta la catena del valore, è prevista per il 2013.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati