Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Terra &Poli > Ricostruita la nascita del Tibet

Ricostruita la nascita del Tibet

Ha 30 milioni di anni, il doppio di quanto si credesse

06 agosto, 12:59
Il lago Yamdrok Tso, in Tibet (fonte: Luca Galuzzi) Il lago Yamdrok Tso, in Tibet (fonte: Luca Galuzzi)

Il tetto del mondo ha il doppio dell'età immaginata finora: 30 milioni dianni e non 10-15 milioni: è quanto ha determinato uno studio che haricostruito in 'laboratorio' la nascita dell'altopiano del Tibet, che si trovaad una altezza media di 4.900 metri. Lo studio, pubblicato sullarivista Nature Geoscience, è stato coordinato da Cina e StatiUniti, rispettivamente da Erchie Wang, dell'Accademia Cinese delle Scienze, e daEric Kirby, della Pennsylvania State University.

Secondo gli autori le montagne più alte del mondo sarebbero nate in seguitoa due forti episodi di collisione fra il continente asiatico e indiano. Ilprimo si sarebbe verificato tra 30 e 25 milioni di anni fa, il secondo fra 10 e15 milioni di anni fa e, sottolineano gli autori, continua ancora oggi. Vale a dire che non c'è stato solo un'unica grande spinta, come si è ritenuto finora.

Per scoprire i tempi e i modi della formazione del Tibet i ricercatori hannoraccolto campioni di roccia dal massiccio di Pengguan, vicino al bacino diSichuan nel Sud-Ovest della Cina e analizzando i tempi di raffreddamento dellaroccia quando, in seguito agli scontri parte della crosta si è sollevata ed è emersa sulla superficie terrestre. In particolare i ricercatori hannoanalizzato le inclusioni di zirconi e minerali chiamati apatiti che hannopermesso di ricostruire la storia della formazione dell’area con dettagli senzaprecedenti. L'analisi dimostra che dopo un primo periodo di calma l'area hasubito due rapidi sollevamenti.

Quattro sono le faglie che sembrano coinvolte nella formazione dell’area dovesi innalza il Tibet, la faglia Wenchuan Maowen, la faglia Yingxiu Beichuan, lafaglia di Pengguan e la faglia situata sotto il bacino di Sichuan. Due di esse,la faglia di Yingxiu Beichuan e la faglia di Pengguan sono ancora attive e sonostate le responsabili del terremoto avvenuto in Cina nel 2008, con epicentro lacontea di Wenchuan.

Il risultato, sottolineano gli esperti, sfida le precedenti teorie sui tempi esui processi che hanno portato alla formazione del Tibet e in particolareevidenzia un episodio di sollevamento che ha dato vita, circa 30 milioni dianni fa, nell'Oligocene, ai massicci adiacenti al bacino del Sichuan inprecedenza sconosciuto. Pertanto, osservano gli esperti, le precedenti stime,sulla nascita in particolare, dei rilievi nel sud-est del Tibet dovrebberoessere riviste.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA