Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Tecnologie > Dallo spazio arrivano nelle case i materiali di 'fumo'

Dallo spazio arrivano nelle case i materiali di 'fumo'

Dall’abbigliamento agli elettrodomestici super-leggeri

20 agosto, 17:07
Un fiore su un pezzo di aerogel sospeso su una fiamma. Le proprietà isolanti dell'aerogel permettono al fiore di non risentire della fiamma (fonte: NASA) Un fiore su un pezzo di aerogel sospeso su una fiamma. Le proprietà isolanti dell'aerogel permettono al fiore di non risentire della fiamma (fonte: NASA)

Saranno fatti di 'fumo' i materiali del futuro: dopo aver catturato le polveri della cometa Wild 2, l'aerogel, o fumo solido, entra nelle case e nella vita di tutti i giorni come il materiale solido più leggero e dalle ottime qualità isolanti. Presentate nel convegno della Società Americana di Chimica, le possibili applicazioni vanno dai tessuti di nuova generazione per confezionare abiti a frigoriferi dalle pareti sottilissime fino ai nuovi materiali isolanti per gli edifici, tutti rigorosamente di 'fumo' solido.

L’aerogel è la sostanza solida più leggera esistente, composta per il 99,8% di aria e per lo 0,2% di silice, la principale componente del vetro. Oltre ad essere super-leggero, l’aerogel è un ottimo isolante termico e resiste a temperature altissime. Prorpie per queste caratteristiche uniche la Nasa lo ha utilizzato a bordo della sonda Stardust per raccogliere le polveri della cometa Wild 2, ma anche per l'isolare le tute degli astronauti.

I nuovi miglioramenti introdotti recentemente nell’aerogel promettono ora di rendere questo meteriale competitivo anche per la realizzazione di oggetti di uso quotidiano: ‘’può essere ora prodotto in forme sottili, fino a ottenere una pellicola così flessibile da rende possibile numerosi usi commerciali e industriali’’, ha spiegato Mary Ann Meador, ricercatrice del Centro di Ricerca Glenn della Nasa.

I nuovi aerogel flessibili potrebbero, ad esempio, essere utilizzati come super-isolanti per l'abbigliamento, per confezionare giacche a vento molto più calde ma anche sottilissime e leggere, così come tende o sacchi a pelo dallo spessore sottilissimo. Altre applicazioni potrebbero riguardare gli elettrodomestici, come frigoriferi dalle pareti sottilissime e quindi molto più ampi internamente, oppure l'isolamento di edifici, tubature o serbatoi. Le future applicazioni potrebbero però continuare a riguardare anche lo spazio: la Nasa sta valutando l'utilizzo dell’aerogel per costruire lo scudo termico che proteggerà le future navette spaziali durante il rientro nell'atmosfera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA