Percorso:ANSA > > Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa

Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa

08 ottobre, 16:22
Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa

La Scuola Superiore Sant'Anna, con sede a Pisa, è un istituto universitario pubblico a ordinamento speciale, attivo nel campo delle Scienze Sperimentali: Scienze Agrarie e Biotecnologie, Ingegneria Industriale e dell’informazione, Scienze Mediche, Scienze Economiche e Manageriali, Scienze Giuridiche, Scienze Politiche.

Il Rettore è Maria Chiara Carrozza, Ordinario di Bioingegneria Industriale; il Prorettore Vicario è Pierdomenico Perata, Ordinario di Fisiologia Vegetale. La Scuola Superiore Sant'Anna è attiva nel campo della formazione e della ricerca.

Tutte le informazioni sui percorsi formativi, da quelli universitari integrativi rivolti ad allievi di talento iscritti in contemporanea all’Università di Pisa, alle Lauree Magistrali, ai Perfezionamenti e ai Dottorati, ai Master Universitari e Internazionali, ai Corsi di Alta Formazione sono disponibili su www.sssup.it. Le attività di ricerca sono invece sviluppate attraverso sei Istituti tematici, descritti in maniera sintetica di seguito.

Istituto di Biorobotica
L'Istituto di BioRobotica esplora le nuove frontiere nel campo dell'ingegneria, unendo scienza e tecnologia, per formare l'ingegnere del ventunesimo secolo, il quale, rompendo le barriere disciplinari e affrontando i problemi ''mal posti'', sarà in grado di gestire le nuove sfide e opportunità della società e dell'industria. L'Istituto di BioRobotica copre le seguenti aree di ricerca: robotica umanoide, neuro-robotica, ingegneria biomedicale, robotica chirurgica, ''soft robotics'', ingegneria neurale, design creativo, ''Future and emerging biorobotics''.

Istituto di Scienze della Vita
L'Istituto di Scienze della Vita si interessa a due macro-aree: Scienze Biomediche e Agrobioscienze. I temi di ricerca in Scienze Biomediche riguardano i ''problemi chiave'' della salute, dalla fisiologia/medicina perinatale alla patologia cardiovascolare negli adulti, senza trascurare lo sviluppo tecnologico. I temi di ricerca in Agrobioscience trattano vari aspetti della biologia vegetale, quali agro biodiversità e agroecosistemi.

Istituto TeCIP (ecnologie di comunicazione, informazione e percezione)

L'Istituto TeCIP nasce nel 2001 come “Centro di Eccellenza”, in linea con il Ministero della Pubblica Istruzione italiano, in collaborazione con Marconi Communications SpA (ora Ericsson) e con Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Telecomunicazioni (CNIT). Le attività di ricerca sono ora concentrate su diverse linee, quali Informatica (Embedded Real-Time Systems), Comunicazione (reti e tecnologie fotoniche), Robotica percettiva (presenza, presenza virtuale, presenza simultanea).

Istituto DIRPOLIS (Diritto, Politica, Sviluppo)

L'Istituto DIRPOLIS sui dedica agli studi interdisciplinari nel campo del diritto, dell’economia e delle scienze politiche. La missione principale è condurre attività di ricerca con un approccio multidisciplinare per fornire una rappresentazione completa e ricca di sfaccettature dei fenomeni giuridici, sociali, economici e politici. L'obiettivo finale è offrire basi scientificamente affidabili e azioni orientate a supportare un processo decisionale efficace.

Istituto di Economia

L’Istituto di Economia promuove la ricerca e i relativi insegnamenti nel campo dell'economia, in senso lato. Le aree principali a cui l’Istituto si dedica sono: teoria economica e empirica, teoria dell'organizzazione ed empirica, gestione e strategie aziendali, scelte pubbliche. Particolare attenzione è posta anche su altri aspetti della politica pubblica, delle scienze cognitive, della statistica applicata.

Istituto di Management
L’Istituto di Management dedica particolare attenzione, nelle sue attività di ricerca, all'economia e alla gestione dell'innovazione, della sostenibilità e della salute. L'Istituto di Management ha strutturato le sue attività in queste principali aree di ricerca: gestione della sostenibilità, gestione della salute, gestione dell’innovazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA