Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Dossier > I radioamatori i primi a rilevare il segnale di AlmaSat-1

I radioamatori i primi a rilevare il segnale di AlmaSat-1

Il satellite dell'università di Bologna è in buona salute

16 febbraio, 17:51
Il satellite AlmaSat-1 (fonte: Università di Bologna) Il satellite AlmaSat-1 (fonte: Università di Bologna)

Sono stati i radioamatori i primi a rilevare il segnale di AlmaSat-1, il satellite dell'universita' di Bologna rilasciato in orbita dal lanciatore dell'Agenzia Spaziale Europea (Esa) nel suo primo volo, avvenuto con successo il 13 febbraio.
''I radioamatori non hanno risorse per costruire satelliti, ma hanno molto interesse per lo spazio e cosi' mettono a disposizione dei ricercatori la loro esperienza nel settore delle telecomunicazioni'', ha osservato il responsabile del gruppo che ha realizzato AlmaSat-1, Paolo Tortora.
I parametri relativi alla traiettoria del satellite, elaborati dai ricercatori, sono cosi' stati messi a disposizione delle associazioni dei radioamatori.
E' accaduto cosi', ha raccontato Tortora, ''che ancora prima che noi lo ricevessimo, il segnale di ritorno di AlmaSat-1era stato ricevuto da un radioamatore tedesco, che mi ha avvertito con una e-mail''. Questo e' accaduto perche' il satellite ha sorvolato il Nord Europa prima dell'Italia. ''Poi sono arrivate via via segnalazioni anche da altri gruppi di radioamatori e adesso - ha proseguito il ricercatore - AlmaSat-1trasmette informazioni sulla telemetria ogni due minuti. E' in perfetto stato di salute''.
Un cubo dal lato di 30 centimetri e pesante poco piu' di 13 chilogrammi, AlmaSat-1 (Alma Mater Satellite) e' stato progettato come una struttura da utilizzare per missioni di dimostrazione tecnologica o di osservazione della Terra.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati