Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Dossier > La pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi debutta con un aereo italiano

La pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi debutta con un aereo italiano

I 'Cavalieri' si esibiscono con sette MB-339

14 novembre, 21:59
La pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi, nel debutto al salone aeronautico di Dubai (fonte: Alenia Aermacchi) La pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi, nel debutto al salone aeronautico di Dubai (fonte: Alenia Aermacchi)

Debutto ufficiale, durante il salone aeronautico in corso a Dubai, per la pattuglia acrobatica degli Emirati Arabi Uniti, gli ‘Al Fursan’ che significa ‘I Cavalieri’ nella sua formazione al completo, con sette velivoli MB-339 realizzati da Alenia Aermacchi (società di Finmeccanica). Gli “Al Fursan”, hanno debuttato con un programma acrobatico di grande effetto, ai comandi degli Aermacchi MB-339 in livrea nera e oro e con i colori della bandiera degli Emirati Arabi Uniti sulla superficie inferiore delle ali, lasciando lunghe strisce di fumi colorati nel cielo di Dubai. L’MB-339 è lo stesso velivolo in dotazione alla pattuglia acrobatica nazionale italiana, le “Frecce Tricolori” e sono stati proprio gli uomini delle Frecce a istruire i piloti Al Fursan, prima presso la base di Rivolto (Udine) e poi negli Emirati, consentendo alla pattuglia acrobatica emiratina di raggiungere, ha sottolineato Alenia Aermacchi, altissimi livelli di prestazione. Grazie alle qualità di volo e alla grande manovrabilità l’MB-339 è particolarmente idoneo ad operare in una “pattuglia acrobatica” oltre ad essere uno dei velivoli di maggior successo della famiglia degli addestratori Aermacchi. La scelta, da parte degli Emirati Arabi Uniti, di dotare la propria pattuglia acrobatica del velivolo MB-339 di Aermacchi, rappresenta, ha proseguito Alenia Aermacchi, “un’importante conferma delle ottime relazioni tra la forza aerea emiratina, l’azienda del gruppo Finmeccanica e tutto il Sistema Paese. Un eccellente rapporto che ha trovato conferma anche durante il salone internazionale della Difesa degli Emirati Arabi nel 2009, quando il governo emiratino ha annunciato la selezione del velivolo d’addestramento avanzato M- 346, realizzato sempre da Alenia Aermacchi e già acquistato dal governo italiano e quello di Singapore”. L’M-346 è stato concepito per essere il velivolo d’addestramento “più competitivo sul mercato, ha aggiunto Alenia Aermacchi, ed è inoltre dotato di elevate capacità operative. La sua configurazione aerodinamica avanzata, l’adozione di due motori e di sofisticati sistemi di bordo, forniscono un alto livello di sicurezza a bassi costi di acquisizione ed operativi”.
Nel corso di un ricevimento organizzato a Dubai dall’Ambasciata italiana negli Emirati Arabi Uniti per celebrare la festa delle Forze Armate italiane e i 150 anni dell’Unità d’Italia, i vertici di Alenia Aermacchi hanno consegnato una targa alla pattuglia acrobatica emiratina in riconoscimento della collaborazione tra le Forze Armate dei due paesi e in ricordo della prima esibizione ufficiale della pattuglia acrobatica “Al Fursan” nella sua formazione al completo.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati