Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Approfondimenti > La capacita’ di controllare i geni

La capacita’ di controllare i geni

28 aprile, 14:49
Biotecnologie Biotecnologie

Le biotecnologie esistono da quando gli uomini hanno imparato a produrre pane e vino. Tuttavia, ufficialmente la loro data di nascita può risalire al 1857, quando Louis Pasteur ha descritto i meccanismi di lievitazione e fermentazione.
Da allora si sono succedute nuove scoperte, prima con le ricerche sui meccanismi dell'ereditarieta' condotte fra il 1856 e il 1866, poi con la scoperta degli enzimi della lievitazione avvenuta nel 1878.
Nel 1928 la dimostrazione del processo di trasformazione batterica ha segnato un nuovo passo in avanti, così come nel 1929 il riconoscimento degli enzimi come proteine, fino alla x scoperta della struttura a doppia elica del Dna, avvenuta nel 1953 da parte di James Watson e Francis Crick.
Un altro passo in avanti fondamentale verso la capacità di manipolare geni e proteine e’ stato, nel 1961, la scoperta di Francois Jacob e Jacques Monod che che l' Rna - messaggero copia il Dna e permette la produzione delle proteine.
Il 1973 arriva il primo brevetto per la tecnica del Dna ricombinante, che modifica il Dna di un organismo inserendo in esso frammenti di Dna appartenenti ad un altro organismo. Nemmeno due anni più tardi negli Stati Uniti nasce la prima azienda biotecnologica e nel 1977 arriva il primo prodotto dell'ingegneria genetica: l'insulina umana. Nel 1982 l'insulina umana artificiale e' il primo farmaco ottenuto con le biotecnologie e tre anni più tardi è la volta del secondo farmaco biotecnologico, l’ormone della crescita. Quindi è stata la volta delle proteine del sangue (1987-1989) e dei modulatori del sistema immunitario (1986-1991). Un altro passo in avanti fondamentale arriva nel 1983, quando il biochimico Kary Mullis mette a punto la Pcr (reazione a catena della polimerasi), la tecnica che permette di moltiplicare numerosissime volte frammenti di Dna.
Nel 1986 parte in tutto il mondo il Progetto Genoma Umano, che nel 2000 ha permesso di ottenere la mappa completa del genoma umano, presentata in aprile dall'azienda privata Celera, di Craig Venter, e in giugno dal consorzio internazionale pubblico. Nel 2001 la sequenza completa del Dna dell’uomo viene pubblicata online e diventa liberamente accessibile.
Nel frattempo, nel 1988 viene brevettato il primo animale transgenico, l'oncotopo, il primo di una lunga serie di animali modificati geneticamente per riprodurre modelli di malattie umane. I primi vaccini biotech sono stati ottenuti fra il 1986 e il 1993. Nel 2000 viene decifrato per la prima volta il genoma di una pianta, la Arabidopsis thaliana.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati