Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Medicina > Malaria: ecco passaporto genetico parassita trasformista

Malaria: ecco passaporto genetico parassita trasformista

Servirà a mettere a punto nuovi farmaci e vaccini

06 agosto, 11:38

MILANO - Un pericoloso 'trasformista', capace di cambiare volto e identita' a seconda del paese in cui si trova: e' il parassita della malaria Plasmodium vivax, il piu' diffuso al di fuori dell'Africa con almeno 100 milioni di casi l'anno. Per la prima volta sono stati individuati e messi a confronto i 'passaporti' genetici che usa nei vari Paesi del mondo, riuscendo a identificare gli elementi comuni e i punti deboli per mettere a punto nuovi farmaci e vaccini. Il risultato, pubblicato su Nature Genetics, si deve al gruppo di ricerca di Jane Carlton dell'universita' di New York.

Come dei veri detective da laboratorio, i ricercatori hanno sequenziato il genoma di quattro ceppi di P. vivax isolati in diverse localita' geografiche sparse tra Africa occidentale, Asia e Sud America. Dal confronto dei quattro 'passaporti' genetici, e' emersa la grande abilita' di questo parassita trasformista. Si e' scoperto infatti che il plasmodio P. vivax evolve molto rapidamente e presenta un'elevatissima variabilita' genetica, addirittura doppia rispetto al suo 'cugino' ben piu' noto e letale, il plasmodio P. falciparum. ''La cattiva notizia e' che P. vivax presenta una variabilita' genetica decisamente maggiore di quella che ci aspettavamo, e questo potrebbe renderlo particolarmente abile nello sfuggire agli attacchi di farmaci e vaccini'', commenta Jane Carlton, la prima a sequenziare il Dna di P. vivax quattro anni fa. ''In ogni caso - aggiunge - adesso conosciamo meglio la sfida che dobbiamo affrontare, e possiamo andare avanti con una analisi piu' approfondita della sua variabilita' genetica alla ricerca di nuovi rimedi''.

Nuovi passi avanti nella ricerca sulla malaria saranno possibili anche grazie ai risultati di un secondo studio pubblicato su Nature Genetics e condotto sempre da Jane Carlton in collaborazione con l'universita' giapponese di Osaka. In questo caso i ricercatori sono riusciti a ottenere la prima mappa genetica del parassita della malaria P. cynomolgi, un 'fratello' di P. vivax che colpisce pero' solo le scimmie del Vecchio Mondo asiatiche. L'identikit genetico di questo plasmodio consentira' ai ricercatori di usarlo come modello per studiare l'infezione nei macachi, gia' ampiamente impiegati nei laboratori di ricerca, superando cosi' le difficolta' nello studio in laboratorio di P. vivax.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA