Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Alimentazione > Diossina: Efsa,in calo ultimi 10 anni esposizione alimentare

Diossina: Efsa,in calo ultimi 10 anni esposizione alimentare

Scesa di almeno il 19%, con punte del 79%, in mangimi e alimenti

18 luglio, 15:48
(ANSA) - ROMA, 18 LUG - L'esposizione a diossine e bifenili policlurati (Pcb) in alimenti e mangimi negli ultimi dieci anni continua la discesa avviata dagli anni '70 in seguito agli sforzi congiunti da parte di pubbliche autorita' e industria. E' quanto evidenzia l'ultima relazione dell'Autorita' europea per la sicurezza alimentare (Efsa) che mettendo a confronto il periodo 2008-2010 con quello 2002-2004, ha rivelato una generale diminuzione di almeno il 16% e fino al 79% nella popolazione, con un decremento simile per bambini piccoli e altri minori, nell'esposizione alimentare a diossine e PCB diossina-simili.

Anche l'esposizione a PCB non diossina-simili, un sottoinsieme di Pcb con proprieta' tossicologiche diverse, e' diminuita.

Diossine e Pcb sono inquinanti ambientali persistenti che possono accumularsi nella catena alimentare. Nel tempo, queste sostanze tossiche possono avere effetti avversi sulla salute umana e causare il cancro. La relazione odierna, elaborata dall'unita' Monitoraggio dei consumi alimentari e delle sostanze chimiche dell'Authority con sede a Parma, si basa su circa 33 000 campioni raccolti in 26 Paesi europei tra il 1995 e il 2010.

Mangimi e alimenti di origine animale mostravano i piu' alti livelli di contaminazione. La carne di anguilla e il fegato di pesce e prodotti derivati contenevano i livelli mediamente piu' alti di contaminazione sia per le diossine sia per i Pcb. La carne ovina conteneva in media meno diossine e Pcb rispetto alla carne bovina. Le uova da allevamenti di galline ovaiole in batteria contenevano diossine e Pcb in quantita' significativamente inferiori rispetto a quelle provenienti da allevamenti all'aperto, biologici oppure a terra. Salmoni e trote di allevamento contenevano livelli medi di diossine e Pcb inferiori a quelli di salmoni e trote selvatici. Aringhe, salmoni e trote delle regioni baltiche erano piu' contaminati da diossine e Pcb di quelli di altre regioni. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA