Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Cardiologia > Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma

Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma

15 luglio, 18:21

La I Unità Operativa di Cardiologia dell'Ospedale S.Camillo dell'Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma è un centro di riferimento per la diagnosi e la cura delle malattie cardiache che svolge anche una continua attività nel campo della ricerca scientifica e della formazione professionale.

Ricovera nelle sue sezioni di degenza mista, unità coronarica e sub intensiva pazienti affetti da tutte le cardiopatie acute e croniche, comprese le sindromi coronariche acute, lo scompenso cardiaco, le cardiomiopatie, le valvulopatie e le aritmie, che necessitano di terapie sia farmacologiche che interventistiche (come l'Angioplastica coronarica e impianto di stent) urgenti. Vengono ricoverati pazienti che devono essere sottoposti in elezione a procedure diagnostiche invasive (Cateterismo cardiaco, Coronarografia, Studio Elettrofisiologico Endocavitario), pazienti candidati in elezione a procedure di Cardiologia interventistica come Angioplastica coronarica (PTCA), Chiusura percutanea del setto interatriale, Valvuloplastica, Ablazione delle aritmie, pazienti candidati a impianto di Pacemaker o di Defibrillatore Impiantabile o a Cardioversione Elettrica di aritmie sopraventricolari come la Fibrillazione atriale e pazienti candidati a interventi di Cardiochirurgia per l'inquadramento diagnostico e la valutazione pre-operatoria.

Nella sezione di cardiodiagnostica vengono eseguite le principali procedure diagnostiche non invasive o moderatamente invasive, quali Ecocardiografia Color Doppler di base, Ecocardiografia Transesofagea, Ecocardiografia con Stress Farmacologico ed Ecocontrastografia, Test Ergometrico, ECG Dinamico secondo Holter e Test Elettrofisiologico transesofageo.

Sono attivi ambulatori dedicati specializzati alla cardiopatia ischemica, allo scompenso cardiaco, alle aritmie, alla ipertensione arteriosa e alla prevenzione cardiovascolare e alle cardiopatie dell'età avanzata, secondo i principi del disease management e della "continuità assistenziale" con l'impiego di protocolli aggiornati e condivisi, finalizzati al raggiungimento dei più elevati standard qualitativi di cura.
I pazienti - e i loro parenti care-giver - ricevono, oltre all'usuale gestione clinica, un programma di educazione sanitaria finalizzato al raggiungimento di ottimali comportamenti di stile di vita, adesione e auto-cura. Una stretta interazione con i medici curanti è fortemente incoraggiata. I pazienti anziani vengono inquadrati e valutati in modo globale e omnicomprensivo secondo le più moderne metodologie di "geriatric assessment" e ricevono un piano di cura personalizzato.
E’ attivo un Servizio di telecardiologia che affianca l'attività ambulatoriale per una gestione intensiva dei pazienti con cardiopatia ischemica o scompenso cardiaco in fase di post-dimissione.

Ogni anno vengono organizzati eventi educativi e di incontro con i Cittadini, come la giornata "Cardiologie Aperte" in collaborazione con HeartcareFoundation

Direttore: Ezio Giovannini

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati