Percorso:ANSA > Motori > Prove e Novità > McLaren X-1, originale supercar prodotta in esemplare unico

McLaren X-1, originale supercar prodotta in esemplare unico

Disegnata per un facoltoso cliente dell'Azienda britannica

22 agosto, 13:17
McLaren X-1, originale supercar prodotta in esemplare unico McLaren X-1, originale supercar prodotta in esemplare unico

MONTEREY - Il costruttore britannico McLaren, in attesa di lanciare la sua vettura stradale ad alte prestazioni denominata F1 (forse al prossimo Salone di Parigi) ha sfruttato i riflettori puntati sugli eventi della settimana di Pebble Beach per svelare, non senza critiche, la "one-off" X1, una speciale versione retro' della 12C ordinata da un facoltoso cliente già proprietario di una McLaren F1 del 1994, di una Mercedes-Benz SLR McLaren e di una 12C. Per realizzare questa auto in esemplare unico, appunto one-off, la McLaren Special Operations (MSO) ha fatto ricorso alle tecnologie più avanzate, come la costruzione della scocca in carbonio MonoCell, ma assecondando il desiderio del cliente di poter avere nel proprio garage museo una vettura che richiamasse alla grande stagione dei "Carrozzieri" (come Pininfarina, Bertone, Ghia, Touring o Zagato) che avevano come principale attività quella, appunto, di carrozzare auto, spesso partendo dal solo telaio, disegnate sui gusti dei committenti.

Frank Stephenson, responsabile del design alla McLaren, partendo dalla richiesta di una carrozzeria "senza tempo e dall'eleganza classica" ha sviluppato una serie di proposte, ispirandosi a sua volta a vere icone del passato come la Facel Vega del 1961, la Chrysler Ghia D'Elegance del 1953, la Buick Electra del 1959, la Mercedes-Benz 540K del 1939 e la Citroen SM del 1971. Per sviluppare i concetti, Stephenson ha messo in gara i suoi diretti collaboratori ed alla fine ha prevalso la proposta del coreano Hong Yeo. La McLaren X-1 è certamente originale, con soluzioni fortemente ispirate al passato (come le ruote posteriori nascoste all'interno della lunga coda aerodinamica) ma con proporzioni che sono state criticate da molti degli addetti ai lavori presenti all'evento del Quail Lodge dove è stata mostrata in prima mondiale. Una cosa è certa: tra 50 anni probabilmente questa auto - unica, costosa e molto veloce - potrà forse avere l'onore di salire sulla pedana del Concorso di Pebble Beach e, soprattutto, potrà spuntare ad una delle molte aste specializzate valutazioni da capogiro, come sempre accade per le supercar costruite in solo esemplare. (ANSA)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA