Percorso:ANSA > Motori > Prove e Novità > Suzuki, appuntamento a Parigi per debutto erede della SX4

Suzuki, appuntamento a Parigi per debutto erede della SX4

Si chiama S-Cross il nuovo suv della separazione da Fiat

10 agosto, 19:48
Suzuki, appuntamento a Parigi per debutto erede della SX4 Suzuki, appuntamento a Parigi per debutto erede della SX4

ROMA - Suzuki ha annunciato che sarà presente a fine settembre al Salone dell'Auto di Parigi con la concept car S-Cross, che perfigura il futuro suv compatto di segmento C. Il disegno diffuso e una foto teaser lasciano intendere una svolta radicale nella concezione stilistica di quella che dovrebbe essere, quasi certamente, l'erede dell'attuale SX4. S-Cross sarà infatti una vettura molto più "emozionale" ed elegante, con una particolare attenzione - si legge nella nota della Suzuki - a "qualità ed efficienza aerodinamica". Il legame con la SX4 è riconoscibile nel taglio del montante posteriore, mentre numerosi elementi - come il gruppo ottico anteriore visibile nella foto teaser - lasciano immaginare anche una maggiore attenzione dei progettisti Suzuki alla sportività di questo suv, concettualmente vicino al mondo dei crossover. Il design della S-Cross - afferma la Casa giapponese - interpreta al meglio il valore dinamico della stabilità ed il valore della solidità costruttiva d'assieme conferendo all'auto un look innovativo.

Suzuki non ha invece fornito nessun dettaglio sui contenuti meccanici della S-Cross. Probabilmente verranno ancora adottati i motori derivanti dall'accordo con Fiat, ma è invece quasi certo che per questo nuovo modello - che andrà a competere oltre che con la Opel Mokka, la Nissan Juke, la Peugeot 2008 e la Ford Eco Sport, anche con la nuova Fiat 500X - non vi saranno altre ricadute industriali e commerciali con il Gruppo torinese, come in precedenza avveniva con la Fiat Sedici. L'erede della SX4 sarà dunque il modello della separazione da Torino ma anche la prima auto Suzuki del "post Volkswagen", a dimostrazione del saper fare (e del voler fare) della Casa giapponese in modo del tutto indipendente dall'ex socio tedesco.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA