Percorso:ANSA > Motori > Prove e Novità > Nissan NV200 potrebbe diventare il nuovo taxi di Londra

Nissan NV200 potrebbe diventare il nuovo taxi di Londra

Sperimentazioni dal 2013 anche con versione 100% elettrica

07 agosto, 17:19
Nissan NV200 versione taxi Nissan NV200 versione taxi

ROMA - Nissan, dopo aver vinto la gara per fornire la prossima generazione di taxi a New York, potrebbe ottenere la stessa significativa approvazione dalle autorità di Londra. Già accolto favorevolmente dalle associazioni degli utenti portatori di handicap e dalla potente Licensed Taxi Drivers' Association nella variante diesel con motore 1.5 dCi, il Nissan NV200 è stato presentato al sindaco di Londra Boris Johnson, nella versione e-NV200 che è 100% elettrica. Johnson - che ha varato un ambizioso piano per abbattere l'inquinamento in tutta l'area metropolitana con la "Air Quality Strategy" - ha espresso il suo apprezzamento per quello che, in funzione della sua eco-compatibilità, potrebbe diventare entro qualche anno il nuovo "Black Cab" della Capitale britannica. Nissan e autorità hanno deciso di avviare una fase di sperimentazione nel 2013, in modo da permettere la valutazione del veicolo e del suo allestimento. Come ricorda Nissan in una sua nota, la versione diesel del NV200 in allestimento "London Taxi" sarà fortemente competitiva a livello di prezzo con il TX4 della LTI che è l'attuale modello acquistato dalle compagnie di taxi della Capitale. La motorizzazione 1.5 dCi Euro V da 89 Cv, accoppiata al cambio manuale a 6 rapporti, potrà infatti permettere consumi medi dell'ordine di 22,7 km/litro, cioè con un risparmio del 50% rispetto al gasolio consumato oggi dal TX4.

Nel suo studio sulla opportunità di passare al nuovo taxi londinese, Nissan sottolinea che l'abbattimento dei consumi potrebbe permettere ai gestori delle autopubbliche un risparmio di almeno 700 sterline (880 euro) all'anno. Sempre riferendosi all'NV200 con motore diesel, la Casa nipponica confronta le emissioni di CO2 (138 g/km) con quelle della versione più verde dell'attuale TX4 (209 g/km). Questa sensibile differenza potrebbe portare - si legge nella nota Nissan - nel caso che tutti i taxi di Londra venissero sostituiti con il nuovo NV200 1.5 dCi, ad un risparmio di 37,97 milioni di tonnellate di CO2, un risultato che l'amministrazione della capitale britannica potrebbe ottenere soltanto piantando un'area di alberi pari a 2 volte la Congestion Charge Zone ogni anno. Inoltre, il "piccolo" motore del taxi NV200 potrebbe contribuire a ridurre di 135 tonnellate le emissioni di NOx e di 20 quelle di particolato, sostanze pericolose su cui si é concentrata l'attenzione delle autorità nel piano sulla qualità dell'aria. Allestito con 5 posti per adulti o un agevole alloggiamento per una carrozzina da disabili, il Nissan NV200 è invece privo di posto anteriore sinistro (come nei tradizionali Black Cab) per aumentare la capacità di trasporto bagagli. Particolarmente apprezzabile, nella viabilità di Londra, anche la manovrabilità dell'NV200 che, come richiesto dall'attuale omologazione taxi, offre un diametro di sterzata di 7,6 metri, indispensabile - ribadisce con una punta di orgoglio la Nissan - per fare inversione di marcia sulla Strand davanti al Savoy Hotel.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA