Percorso:ANSA > Motori > Norme e Sicurezza > Sicurezza stradale, Asaps, in calo le stragi del sabato sera

Sicurezza stradale, Asaps, in calo le stragi del sabato sera

Sono il 55-60% dei 'mortali' in notti weekend, il 56% al nord

20 luglio, 13:58
Sicurezza stradale, Asaps, in calo le stragi del sabato sera Sicurezza stradale, Asaps, in calo le stragi del sabato sera

FORLI' - Il fenomeno delle 'stragi del sabato (e venerdi') sera è in calo, anzi "in apprezzabile calo" secondo il Report il Centauro-Asaps, l'Associazione sostenitori della Polstrada, sulla reale situazione nei primi sei mesi del 2012. Solo il 55-60% degli incidenti mortali delle due notti è infatti una classica "strage del sabato sera". Nelle 16 ore a rischio delle notti del fine settimana, i giovani sono stati coinvolti in 184 incidenti gravi, con 124 vittime e 302 feriti: tra i deceduti, 30 avevano fino a vent'anni, 37 fino a 25, 25 fino a 30 e 28 oltre i trent'anni (ma coinvolte in un sinistro che vedeva protagonista un 'under 30'). Il 56% degli incidenti è avvenuto al nord, ma cresce il fenomeno anche al sud (24%). Il 48% dei sinistri (88) è avvenuto su strade extraurbane, statali o provinciali; nel 76% degli incidenti i giovani guidavano auto, nel 23% moto o ciclomotori.

Solo nel 10,3% dei casi (19) sono state rilevate 'ebbrezze certificate' da alcol o droga, mentre nel 52% il conducente è andato fuori strada da solo. "La mortalità stradale e dei giovani oggi riguarda anche altri orari della giornata e altre tipologie di mezzi, in particolare le due ruote - commenta il presidente dell'Asaps, Giordano Biserni - Sarebbe quindi opportuna un'attenta lettura dei dati ai fini dei costi assicurativi, spesso elevatissimi proprio per le fasce giovanili". Le vere 'stragi' che coinvolgono i giovani sotto i 30 anni si attestano dunque, secondo i dati Asaps, intorno al 55-60% degli incidenti mortali nelle due notti del fine settimana; il resto riguarda le fasce più adulte, anche non collegate con il fenomeno del 'nomadismo' della notte verso i locali del divertimento, peraltro - rileva l'associazione - in netta crisi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA