Percorso:ANSA > Motori > Industria e Mercato > GM, accordo con Peugeot potrebbe essere riscritto

GM, accordo con Peugeot potrebbe essere riscritto

Investimento di 320 milioni di dollari e' oltre valore corretto

06 agosto, 15:04
GM, accordo sul 7% azioni Peugeot potrebbe essere riscritto GM, accordo sul 7% azioni Peugeot potrebbe essere riscritto

ROMA - General Motors, che ha acquisito a marzo una quota del 7% in PSA Peugeot Citroen, ha dichiarato che potrebbe essere necessario riscrivere questo accordo a causa delle cattive condizioni del mercato automobilistico europeo che si sta dirigendo verso il suo quinto anno consecutivo di calo delle vendite. Come riporta il Washington Post su una notizia Bloomberg, GM ha infatti comunicato alla SEC (US Securities and Exchange Commission) che l'importo corrispondente all'investimento fatto nella PSA Peugeot Citroen ha superato lo scorso 30 giugno il suo valore corretto. Il Costruttore di Detroit ha anche comunicato alla SEC che prevede di mantenere l'investimento fino al recupero del valore iniziale, che è pari a 320 milioni di dollari. L'accordo per l'acquisto della quota di PSA fa parte di un'alleanza che comprende opportunità di risparmi in sinergia sugli acquisti e sullo sviluppo dei nuovi veicoli.

"GM sta riconoscendo che si trattava di una decisione sbagliata - ha detto Dennis Virag, presidente della Automotive Consulting di Ann Arbor nel Michigan - e vede, col senno di poi, che non era un buon investimento". Dopo il fallimento del giugno 2009, la nuova gestione sostenuta dal Governo Obama e la ripresa degli ultimi anni, legata alla crescita del mercato interno, GM sta invece lottando in Europa dove - si legge sul Washington Post - ha perso 16,8 miliardi di dollari dal 1999. "Abbiamo valutato se il calo del valore è legato ad una compromissione temporanea - ha detto GM nella sua comunicazione alla SEC - ed abbiamo concluso che il danno è temporaneo. L'incertezza della situazione economica grava pesantemente sulla valutazione delle azioni PSA. Se però le condizioni di mercato non dovessero recuperare nel breve termine - aggiunge GM - dovremmo concludere che il danno non è temporaneo ed arrivare quindi ad una conseguente svalutazione".

Questa dichiarazione ufficiale lascia dunque intendere che se il valore delle azioni PSA non dovesse risalire, GM sarebbe intenzionata a riscrivere l'accordo. Sul fronte operativo la cooperazione tra GM e PSA sta comunque procedendo: "Continuiamo a fare progressi su tutti i flussi di lavoro con PSA - ha dichiarato Jim Cain, portavoce della Casa automobilistica di Detroit - nell'ambito di una collaborazione che a lungo termine creerà valore per entrambe le parti". Sull'argomento era intervenuto però anche Dan Ammann, CFO di GM che nella conference call con gli analisti del 2 agosto aveva puntualizzato: "Non abbiamo intenzione di mettere altro denaro in PSA". Il Gruppo francese, ricorda il Washington Post, ha riportato una perdita di 662 milioni di euro nel primo semestre dell'anno, con la previsione di tagliare 8.000 posti di lavoro e, per ridurre i costi, chiudere una fabbrica alla periferia di Parigi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA