Percorso:ANSA > Europa > Agroalimentare > Pesca: primo voto Parlamento Ue su riforma politica settore

Pesca: primo voto Parlamento Ue su riforma politica settore

21 giugno, 19:58
(ANSA) - BRUXELLES, 21 GIU - Lottare contro la pesca illegale e i rigetti del pescato in mare; assicurare una migliore informazione ai consumatori, rafforzare e meglio equipaggiare le organizzazioni dei pescatori europei per meglio promuovere una pesca sostenibile. Ma anche ridurre gli interventi sul mercato ad un unico aiuto allo stoccaggio. Sono queste le richieste votate a grande maggioranza oggi a Bruxelles (24 voti a favore e uno contrario) dalla commissione pesca del Parlamento europeo sul primo regolamento del 'pacchetto' di riforma della futura politica comune della pesca. Si tratta della prima tappa delle decisioni legislative in favore di una pesca sostenibile ha detto il relatore, il conservatore britannico Struan Stevenson. Nel testo, tra le novita', c'e' la richiesta di accordare un finanziamento ''corretto'' alle organizzazioni di produttori e alle loro associazioni per incentivare la creazione di organismi transregionali, ma anche ''per controbilanciare il potere dei dettaglianti'' nella filiera alimentare. Si chiede poi alla Commissione Ue di fornire loro dei fondi per potersi dotare di strumenti tali da meglio coordinare le attivita' di pesca e trasformazione. Quanto al divieto di rigetti in mare che propone la Commissione Ue, i deputati ritengono che il pescato sbarcato in porto non commercializzabile, si possa destinarlo all'industria di trasformazione (oli e mangimi), rimborsando il pescatore per l'ammontare equivalente di quelle catture. In favore dei consumatori i deputati propongono anche che sull'etichetta appaia la menzione ''pesce scongelato'', mentre chiedono all'Esecutivo Ue di proporre entro gennaio 2015 un nuovo sistema di eco-etichettatura per i prodotti della pesca.

Il voto del Parlamento europeo in plenaria e' in programma a settembre, a Strasburgo. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA