Londra: Strage monaco 1972, schermaglia Anp-Israele

27 luglio, 11:17

(ANSAmed) - TEL AVIV, 27 LUG - A poche ore dall'apertura delle Olimpiadi, l'Anp e Israele hanno ingaggiato una polemica in seguito al rifiuto del Comitato olimpico internazionale (Cio) di osservare stasera un minuto di silenzio in commemorazione degli 11 atleti olimpici israeliani assassinati a Monaco nel 1972 da un commando di fedayn palestinesi.

A nome dell'Anp, Jibril Rajoub - presidente dell'Associazione calcistica palestinese - ha inviato una lettera di compiacimento al presidente del Cio Jacques Rogge. Secondo l'agenzia di stampa ufficiale Wafa, Rajoub ha scritto: ''Lo sport deve fungere da ponte per favorire l'amore, i legami e l'amicizia fra i popoli, e non deve essere utilizzato come fattore di separazione e di disseminazione di razzismo fra i popoli''.

Immediata la reazione del viceministro degli Esteri israeliano, Dany Ayalon, che si chiede come possa essere definita ''razzista'' la richiesta israeliana di ricordare all'apertura delle Olimpiadi i propri atleti uccisi. ''Proprio la loro uccisione in quanto israeliani e' razzista'' esclama il diplomatico, secondo cui i mezzi di comunicazione dell'Anp esaltano talvolta gli esecutori della strage di Monaco.

Le memoria degli atleti israeliani uccisi a Monaco e' stata ricordata negli ultimi giorni - fra l'altro - dalla Camera, dal premier britannico David Cameron e anche dallo stesso Rogge, in un minuto personale di raccoglimento ieri a Londra. (ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA