Papa: P.Lombardi, viaggio Libano si prepara senza incertezze

Dopo timori per crisi Siria; papamobile gia' partita per Beirut

20 agosto, 19:09

(di Fausto Gasparroni) (ANSAmed) - CITTA' DEL VATICANO, 20 AGO - "La preparazione del viaggio del Papa in Libano prosegue senza incertezze da parte del Vaticano". Il direttore della sala stampa della Santa Sede, padre Federico Lombardi, è intervenuto così per fugare i timori che si stavano addensando, in conseguenza della crisi siriana, sulla visita del Benedetto XVI nel Paese dei Cedri, in programma dal 14 al 16 settembre prossimi. La precisazione di Lombardi, riportata anche dalla Radio Vaticana, ribatte in particolare alle ipotesi provenienti da fonti cattoliche libanesi su una possibile cancellazione del viaggio a causa delle ripercussioni in Libano - con le tensioni tra fazioni contrapposte sunnite e sciite - del sanguinoso conflitto nella vicina Siria. Ma nella preparazione del viaggio apostolico, in cui il Papa firmerà l'esortazione post-sinodale per il Medio Oriente, non c'é nessun rallentamento né incertezza. "Un segno concreto - ha sottolineato ancora padre Lombardi - è che la papamobile è già partita verso Beirut".

Era stato in particolare il patriarca di Cilicia degli Armeni, Nerse Bedros XIX Tarmouni, a dire esplicitamente nei giorni scorsi di temere per il viaggio del Papa. "Quello che accade in Siria crea una situazione veramente grave che potrebbe avere delle ripercussioni sulla vita politica in Libano e impedire la visita del Santo Padre nel Paese, il che sarebbe davvero un danno", aveva dichiarato il patriarca armeno-cattolico al canale francese della Radio Vaticana. Il presule aveva anche deplorato il rapimento di decine di immigrati siriani in Libano da parte del potente clan sciita dei Miqdad, vicino a Hezbollah, per reazione al sequestro di un proprio membro in Siria. Le parole di Tarmouni sulla possibilità di un annullamento della visita del Papa per la situazione politico-militare nella regione sono state però definite "opinioni personali" da padre Abu Kasem, direttore del Centro d'informazione cattolica libanese. "Noi ci prepariamo per accogliere il Papa come se la sua visita fosse domani", ha detto al sito arabo Elnashra. "Tutti i preparativi sono in pieno svolgimento come previsto e tutti i responsabili delle Chiese locali, del Comitato dei ministri e altri organismi, lavorano intensamente per garantire la piena riuscita della visita del Pontefice", ha spiegato padre Kasem, aggiungendo che "il Santo Padre sarà tra noi nei luoghi previsti e nelle date previste".

Dello stesso tenore le dichiarazioni di ieri rilasciate a un canale dell tv libanese da mons. Camille Zaidan, arcivescovo maronita di Antelias e diffuse anche da Elnashra. L'annullamento o il rinvio del viaggio di Benedetto XVI sono eventualità che non sono mai state prese in considerazione. E anche sul piano della sicurezza dell'illustre ospite, ha garantito il presule, è tutto preparato e sotto controllo e al riguardo non esiste nessun problema.(ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA