Grecia: socialisti in cerca di una nuova identita' politica

Si apre oggi ad Atene la Conferenza organizzativa del Pasok

06 luglio, 09:27

(ANSAmed) - ATENE, 6 LUG - Dopo la dura sconfitta subita nel doppio turno elettorale, il partito socialista greco Pasok sta attraversando una profonda crisi di identità politica. Il motivo e' che, dopo la grande vittoria nelle consultazioni del 2009, si è visto costretto a scelte politiche a volte ultraconservatrici per riuscire a mantenere la Grecia nella zona dell'euro e ottenere dai partner europei gli aiuti necessari per farla uscire dalla profonda crisi in cui e' venuta a trovarsi, non senza la corresponsabilita' dei propri dirigenti politici.

Oggi, sotto la leadership di Evangelos Venizelos, che quasi un anno fa e' succeduto a Giorgos Papandreou, il Pasok è in cerca di una nuova personalità politica. In questa direzione si muovono le iniziative di Venizelos che, fra l'altro, ha convocato per oggi un Conferenza organizzativa con un'apertura anche ad altre forze politiche di centro-sinistra come Sinistra Democratica, suo alleato al governo, e i Verdi, che anche nelle ultime elezioni sono rimasti fuori dal Parlamento. E' significativo il fatto che entrambe le formazioni abbiano accettato l'invito e saranno presenti alla Conferenza con rappresentanze di alto rango. Anche se per il momento non si conoscono le precise intenzioni di Venizelos, è chiaro che lui ha in mente un cambiamento radicale di un partito che, bene o male, ha collegato i suoi periodi al governo a tutti o quasi tutti i mali del Paese. Lo stesso Venizelos ha più volte parlato della necessità di cambiare radicalmente il vecchio e anacronistico Pasok. Infatti, in una delle prime iniziative prese subito dopo le elezioni del 17 giugno, ha disciolto tutti gli organi eletti del partito ed e' rimasto a lavorare soltanto con il nuovo gruppo parlamentare dal quale mancano molti dei precedenti "dinosauri", come i greci chiamano i politici vecchi ed obsoleti.

Certo il problema del Pasok non è semplice e, come sostengono vari osservatori politici, tutto può succedere nel futuro.

Parecchi dei personaggi di prima linea del partito, fra cui ex ministri di tutti i governi del Pasok dagli anni '80 sino all'ultimo governo di salvezza nazionale di Lucas Papademos, hanno rifiutato l'invito di Venizelos a far parte della nuova segreteria politica che dovrà condurre il partito al Congresso nazionale dell'autunno prossimo, se alla fine si farà.

Non mancano inoltre le lamentele di molti altri perché non sono stati invitati ufficialmente alla Conferenza organizzativa, mentre non si possono non ricordare le iniziative di alcuni ex ministri che si muovono per la creazione di una nuova formazione politica. Oggi Venizelos aprirà i lavori della Conferenza organizzativa dando lettura di una sua circolare riguardante l'auto-riorganizzazione del Pasok che dovrà iniziare "ora" - come egli dirà - e si concludera' il giorno del Congresso durante il quale sarà proposta l'apertura della campagna di nuove iscrizioni al partito. Dopo il discorso di Venizelos, interverranno i rappresentanti di Sinistra Democratica e dei Verdi. (ANSAmed).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA