Francia: al Qatar anche lo storico hotel Martinez di Cannes

Dopo Psg e grandi imprese, emiri investono in alberghi di lusso

22 giugno, 18:13

L'hotel Martinez a Cannes L'hotel Martinez a Cannes

(di Luana De Micco) (ANSAmed) - PARIGI, 22 GIU - Anche il mitico grand hotel Martinez sulla Croisette di Cannes diventa proprieta' del Qatar: continua cosi' la storia d'amore (e di denaro) del ricco emirato del Golfo in Francia, proprietario della squadra di calcio parigina, il Paris Saint Germain, nonche' azionista di diverse grandi gruppi, tra cui Total. L'ultimo grosso investimento, di cui si e' appreso oggi, riguarda due prestigiosi grand hotel: oltre al Martinez di Cannes, il Concorde Lafayette della Porte Maillot, a Parigi. Il primo, costruito nel 1927 in stile Art Deco sul lungomare di Cannes, e' uno degli alberghi preferiti delle star di tutto il mondo, che ogni anno sbarcano nella cittadina sul Mediterraneo per il festival del cinema. Il secondo e' un grattacielo di 33 piani che svetta a 137 metri nei cieli di Parigi e che si trova accanto al grande Centro di Congressi della porte Maillot (ovest di Parigi). L'accordo preliminare e' stato firmato con il gruppo alberghiero americano Starwood Capital. Il facoltoso investitore resta per ora misterioso, ma alcune fonti parlano del Katara Hospitality, proprietario e gestore di diversi alberghi di lusso negli Emirati e nel mondo, tra cui il Peninsula, che dovrebbe aprire nel 2013 sull'avenue Kleber, a Parigi. Non sono i soli alberghi di lusso in Francia a passare in mani qatariote. A Parigi appartiene all'emirato anche il Royal Monceau, vicino all'Arco di Trionfo, mentre a Cannes il Qatar e' gia' proprietario del Carlton. Grand hotel, ma anche sport e industrie transalpine interessano il piccolo Stato stretto tra l'Arabia Saudita e l'Iran. Gli emiri del Golfo hanno fatto shopping nel calcio francese, accaparrandosi il PSG, la squadra parigina, e i diritti televisivi della Ligue 1 tramite BeIn, la filiale di Al-Jazeera dedicata allo Sport, in Francia. Nel settore industriale possiedono il 2% del gruppo petrolifero Total, il 5,6% del costruttore Vinci, il 5% del gruppo di servizi Veolia Environnement e il 7,5% del costruttore aeronautico EADS.

Ultimamente sono entrati anche nel capitale del gruppo editoriale e multimedia Lagardere (10,1%) e si sono lanciati nel salvataggio delle banlieue parigine annunciando un pacchetto di 50 milioni di euro per finanziare progetti. L'emiro Hamad ben Khalifa Al-Thani era stato accolto baci e abbracci all'Eliseo dall'ex presidente Nicolas Sarkozy e, secondo un'inchiesta di Slate.fr, sarebbe proprietario di un'immensa tenuta di oltre 4.000 metri quadrati a Marne-la-Coquette, nella regione parigina. (ANSAMED).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA